La stampante 3D di Lego

LEGObotTra i nuovi creativi, i cosiddetti “maker” cioè gli “artigiani moderni” che utilizzano le nuove tecnologie per dar sfogo alla propria fantasia e abilità ingegneristica, ci sono alcuni strumenti particolarmente in voga: uno sono le stampanti 3D, che permettono di realizzare oggetti tridimensionali partendo da concetti virtuali creati al computer, l’altro, molto spesso, sono i mattoncini Lego che, da divertimento per bambini, sono diventati uno degli strumenti più utilizzati per creare oggetti incredibili e – sempre più spesso – utili o comunque dall’elevato valore artistico. Cosa succede, dunque, quando si mettono insieme questi due strumenti? Si ottiene una stampante 3D a bassissimo costo: la LEGObot. L’ha realizzata Matthew Krueger usando il sistema Lego NXT (che in pratica è un’evoluzione dei Lego Technics che si basa su un componente centrale in grado di automatizzare una serie di movimenti meccanici) e ispirandosi al MakerBot, la più diffusa e popolare (per quanto ancora costosa, imprecisa e abbastanza difficile da usare) stampante 3D consumer. Al momento la LEGObot stampa solo con una specie di colla riscaldata e quindi le sue creazioni non irrigidiscono completamente e sono difficilmente utilizzabili. Però Krueger ha già assicurato di essere al lavoro su un sistema per riciclare le bottiglie di plastica in “filament” (il costoso “inchiostro” usato nelle stampanti 3D) e quando l’avrà completato adatterà la LEGObot al nuovo materiale.

legobot-print
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s