App, Network e stampante 3D da salotto: 3D Systems is in the house!

bkg_cube_kidsafeNon so voi ma se c’è un oggetto che vorrei avere in salotto non è la PlayStation 4 o l’Xbox One. Non è neanche un televisore da 100 pollici anche se quello, beh, non ci starebbe comunque. Quello che vorrei è la nuova Cube 3, la stampante con cui 3D Systems punta a entrare definitivamente nelle case delle persone… comuni. Non solo artisti, creativi e maker ma chiunque voglia creare qualcosa in 3D, qualcosa di reale. Chiunque voglia conoscere la sensazione inebriante di essere in grado di plasmare la materia a piacimento. La nuova Cube è senza dubbio molto pi bella di quelle precedenti. Il design è simile a quello introdotto dalla società portoghese BeeVeryCreative e ricalca quello delle nuove generazioni di FDM. Solida e compatta, la Cube 3 si collega via Wi Fi a computer e smartphone.

Ciò significa che potrete stampare anche da qualsiasi sistema mobile targato Apple (vi avevamo già detto che 3D Systems andava particolarmente a braccetto con la mela) attraverso la nuovissima App Cubify Draw per iPhone e iPad. Anche questa è una piccola rivoluzione: potrete disegnare con le dita sullo schermo e trasformare ciò che creerete in modelli stampabili. Se invece vorrete qualcosa di più “utile” vi basterà collegarvi al nuovo (nel senso di rinnovato) network Cubify. Lì troverete informazioni su come trasformare la vostra Cube in una macchina sforna abiti, giocattoli (sicuri, grazie ad apposite specifiche da applicare), oggetti e persino strumenti.

cubepro3D Systems ha mostrato la nuova stampante in occasione del CES (Consumer Electronics Show) di Las Vegas ma non è stata l’unica novità. Dopo aver dominato Euromold con 6 nuovi modelli industriali, il più grande produttore di stampanti 3D al mondo ha anche presentato la nuova CubePro, una stampante 3D che, come le Cube X Trio, usa materiali di 3 diversi colori contemporaneamente ma rispetto al modello precedente lo fa con una risoluzione maggiore (strati di 75 micron invece di 100 micron) e con un volume di stampa più largo (275x265x240 mm), il più largo nella sua categoria. L’unico “difetto” è che per usare entrambi i sistemi dovrete utilizzare il filament proprietario di 3D Systems, che da una parte è molto più comodo perché è venduto in confezioni sigillate da inserire facilmente, e dall’altro costa più del doppio del filament generico. La comodità è un lusso.

Advertisements

One thought on “App, Network e stampante 3D da salotto: 3D Systems is in the house!”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s