WASP e il Politecnico di Milano stampano in 3D con i “funghi”… ad Amsterdam

Eurostampi Wasp FungoFondata da Massimo Moretti, una delle persone più carismatiche, che abbiamo mai incontrato, WASP (World’s Advanced Saving Project) è una delle realtà più importanti nel panorama italiano della stampa 3D personale e dei maker.

WASP ha sviluppato sia una stampante 3D cartesiana e una Delta molto precise e non smette mai di innovare, re-immettendo tutti i profitti realizzati dalle vendite direttamente nelle attività di Ricerca & Sviluppo.

La Delta WASP è anche in grado di stampare in 3D con ceramiche e Moretti, il cui biglietto da visita recita “Dreamer”, sogna di usarla per risolvere i problemi abitativi del mondo in modo sostenibile.

Nel frattempo, però, WASP continua a provare cose nuove e, insieme con al Politecnico di Milano, l’azienda ha recentemente visitato il FabLab di Amsterdam FabLab e stampato con agar, un particolare biomateriale utilizzato per l’alimentazione e la crescita di microrganismi.

massimo moretti waspMentre molti vanno ad Amsterdam per giocare con un diverso tipo di funghi, la squadra di WASP ha usato l’agar per far crescere un particolare fungo slime-mold, una muffa che “ridefinisce l’intelligenza”, in quanto non ha un cervello ma, quando va in cerca di cibo, sa sempre la direzione giusta da seguire.

Per l’esperimento WASP ha usato la sua macchina cartesiana PowerWASP EVO. Il nozzle è modificato usando un sistema per estrudere materiali fluidi e densi, sviluppato dal +LAB del Politecnico di Milano, laboratorio guidato dalla Prof. Marinella Lev del Dipartimento di Chimica. Il suo laboratorio è specializzato proprio nella sperimentazione usando tutti i tipi di diversi materiali per la stampa 3D FDM .

Abbiamo incontrato Marinella Levi a Eurostampi e ci ha spiegato come funziona il processo. “Abbiamo depositato materiale organico in modo controllato, utilizzando un software sviluppato da Tommaso Casucci del Gruppo Co-de-iT Group. Il fungo è stato ‘invitato’ a seguire un percorso specifico. I risultati sono stati impressionanti: è davvero notevole come lo slime-mold riesca a seguire le strutture composte dai materiali organici, cristallizzandosi in geometrie incredibili”.

SONY DSC

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s