Arriva in Italia la nuova CubePro e inizia – per davvero – l’era della stampa 3D per tutti

Anche se da alcuni anni l’unico mercato consumer della stampa 3D è quello specializzato di hobbisti e maker, la stampante 3D che per prima ha voluto andare a cercare il mercato consumer di massa è stata la Cube di 3D Systems. Ora, a distanza da due anni da quel primo tentativo, l’azienda di Avi Reichental si sta preparando per il boom e, allo scorso CES, ha presentato l’intera nuova line up di stampanti 3D “casalinghe”.

CubePro

In Italia, la prima ad arrivare della nuova generazione di “Home 3D Printers” targate 3D Systems  è la CubePro, la sorella più grande della Cube 3, che offre un livello delle stampate praticamente professionale. “Abbiamo appena aperto i preordini e ne abbiamo già vendute 20,” ci ha rivelato Andrea Simeoni di 3DZ, che, tra i tre rivenditori ufficiali di 3D Systems, è quello che sta più attivamente spingendo per allargare il mercato ai consumatori. “Si tratta, per ora, soprattutto di clienti “prosumer”, piccole aziende che vogliono un sistema a basso costo per realizzare i propri prototipi. Per questo sono più orientati sulla CubePro che sulla nuova Cube: per un’azienda la differenza di prezzo è minima e quindi preferiscono puntare sulla fascia più alta.

cubepro_materialsA differenza delle stampanti “desktop” precedentemente immesse sul mercato da 3D Systems, la Cube Pro è un sistema davvero completo, oltre che – in linea con tutti i nuovi prodotti del colosso americano presentati nel 2013 – estremamente curato dal punto di vista estetico.

La macchina – evoluzione della CubeX Trio – ha un volume di stampa massimo di 273x273x241 mm (per oggetti monocolore) ed è in grado di stampare strati sottili fino a 70 micron. Supporta una vasta gamma di materiali proprietari (3D Systems, come tutti i colossi della stampa 3D, richiede l’utilizzo delle proprie spool di filament, sia perché sono i prodotti che offrono una migliore marginalità sia per assicurare una standardizzazione delle stampate anche per utenti non particolarmente esperti)  che includono l’ABS, il PLA e anche il nylon, materiale versatile ed estremamente resistente, anche alle alte temperature.

cubeprodesktopSoprattutto, però, la CubePro, come la Cube X Trio, è in grado di stampare con tre diversi colori di filamento (dei 24 a disposizione) e con diversi materiali contemporaneamente . Questo significa che per oggetti in ABS i supporti possono essere realizzati in PLA, e che questo può essere poi disciolto e rimosso attraverso una stazione a ultrasuoni (che 3D Systems vende ai clienti professionali al prezzo di 1.000 euro)

L’area di stampa della CubePro è interamente chiusa – che significa che può stampare in modo uniforme anche in ambienti e a temperature diverse e che le stampate più grandi in ABS non corrono il rischio di imbarcarsi e deformarsi. Tutti i comandi possono essere impartiti via Wi-Fi e attraverso il touch screen a colori.

coubeprodisplayLa CubePro non è un giocattolo: la macchina ha le dimensioni di un “cubo” da quasi 60 cm per lato e – con il triplo estrusore – pesa quasi 40 Kg. La risoluzione in asse Z raggiunge i 100 micron, con spessore degli strati che, dal minimo di 70 micron arriva fino a 300 micron per le modalità di stampa rapida. Tutte le CubePro hanno il software di conversione dei file da modelli 3D a G-Code integrato, con tanto di sistema di verifica dei fil STL e poi c’è sempre l’interazione con il network online e le App di Cubify, dove si possono trovare i design stampabili di orologi, scarpe, cappelli, giocattoli, lampade e mobili: insomma quello che serve per dare il via alla rivoluzione della stampa 3D per tutti.

 

 

 

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s