Sharebot viaggia verso il TCT con Voyager

Dopo il grande successo di Londra, dove la platea è stata sbalordita dal primo sistema SLS low-cost, per  fiera TCT, che si terrà a Birmingham, UK, dal 30 settembre al 2 ottobre, Sharebot, il leader italiano nella produzione di stampanti 3D desktop consumer e professionali, continuerà a presentare novità ed evoluzione delle tecnologie sviluppate dal suo reparto R&D. Il TCT è uno degli show più importanti per l’industria manifatturiera professionale britannica e l’azienda brianzola sarà ancora tra i protagonisti.

SharebotTCT1

La prima sarà Voyager, di cui non avevamo ancora parlato in dettaglio ma che ha fatto il suo debutto proprio a Londra. La stampante 3D DLP (Digital Light Processing) prodotta da Sharebot, oltre a essere esteticamente molto curata (diversamente da molte altre stampanti in questa categoria), è dotata di un proiettore Full HD e ha un volume di stampa di stampa di 50x100x100 mm, con la possibilità di realizzare strati da 25 micron e con 50 micron didefinizione XY. Si rivolgerà principalmente a un target di professionisti in campo orafo e dentale.

SharebotTCT2

Continuano le novità anche sul fronte SLS. Dopo aver presentato SnowWhite, il prototipo di una stampante 3D a sinterizzazione laser low cost già funzionante, Sharebot R&D continua nello sviluppo. Per il TCT l’azienda ha stampato nuovi oggetti sempre più complessi, aggiungendo anche una seconda colorazione della polvere di nylon, con il grigio che va ad aggiungersi al bianco originale. Tra i nuovi oggetti figurano parti complesse come il robottino mascotte della Maker Faire, che, in solo un’ora e mezzo, esce dalla stampante formato da più parti separate e già perfettamente snodabile.

SharebotTCT3

Sharebot sarà presente anche con tutte le altre novità già presentate al 3D Pritnshow, tra cui le due nuove FDM/FFF, Q ed XXL. La prima è la sua stampante desktop di terza generazione, sempre più destinata a un pubblico professionale grazie all’area di stampa A3 costruzione, il sistema di livellamento automatico, lo schermo touch screen e l’estrusore a doppio filamento che può essere sostituto in meno di 15 secondi. La seconda è stampante 3D con una della pi grandi aree di stampa orizzontali (700x250x200 mm), con un volume di stampa complessivo di 36.000 cc. In attesa delle ulteriori novità previste per la prossima Maker Faire Rome, probabilmente può bastare.

SharebotTCT4

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s