Autodesk Spark in partnership con tutte le facce nuove della stampa 3D

Cos’è la piattaforma Spark di Autodesk? Ancora non è chiarissimo. Quello che tutti conosciamo è Ember, la sua nuova stampante 3D SLA open source eppure quello è solo uno degli elementi.
Come tutti i produttori di stampanti 3D (cosa che Autodesk ora è), l’idea è di creare una piattaforma creativa completa, che includa tanti diversi tipi di software (sia il CAD che i sistemi per veicolare i contenuti stampabili digitali e per controllare/interagire con le stampanti) in grado di offrire a tutti i tipi di utenti una soluzione completa e definitiva alle loro esigenze.
autodesk-logo-rgb-black-large
Per farlo Autodesk ha messo a disposizione 100 milioni di dollari e ha siglato accordi di collaborazione con alcune delle aziende più rappresentative in diversi segmenti della stampa 3D. Eccole:
3dhubs3D Hubs
Chi non conosce 3D Hubs? Tra tutte le aziende della “nuova” stampa 3D, cioè quella fatta di start-up innovative che sognano di cambiare il mondo con la rivoluzione della manifattura distribuita, 3D Hubs, il più grande network di stampanti 3D al mondo (quasi 10.000) è sicuramente la prima e più rappresentativa. Fondata da Bram De Zwart e Bryan Garret poco più di un anno fa, l’azienda sta continuando a crescere in modo esponenziale e userà Spark per migliorare il flusso produttivo tra tutti i suoi utenti.
logo_3dindustries3D Industri.es
3D Industri.es vuole democratizzare l’accesso ai contenuti 3D rendendo ogni modello 3D online rintracciabile in base alla forma e alle dimensioni. L’azienda spagnola, che offre già alcuni software e App, userà la piattaforma di Spark per aiutare consumatori e utenti industriali a individuare e ottenere con facilità le parti stampabili di cui hanno bisogno.
Authentise
Authentise
Tra le tante che stanno tentando di creare ecosistemi sicuri per il download e l’utilizzo di file stampabili, Authentise è oggi la piattafroma leader e un partner strategico per la pubblicazione di proprietà intellettuali. La sua tecnologia tutela i detentori dei diritti e permette di rendere i loro design disponibili mantenendo un controllo sul file e assicurandosi eventuali royalties. Authentise collaborerà con Autodesk per rendere la stampa 3D più sicura e accessibile, sia per i creatori che per i fruitori di contenuti.
Emerging ObjectsEmerging Objects
Seguiamo lo studio fondato da Ronald e Virginia fin dall’inizio e la loro capacità di sperimentare con tantissimi materiali diversi per creare le strutture portanti del futuro è unica. Il loro obiettivo e reimmaginare come saranno strutturati gli ambient interni ed esterni del domani e adotteranno la piattaforma di Autodesk per testare ancora più materiali e usarli come mattoni per costruire oggetti architettonici su larga scala.
ExOne
ExOne
Grazie al suo processo di binder jetting, Ex One è in grado di mettere la stampa di metalli a disposizione di più persone a un costo decisamente inferiore rispetto ai processi di fusione laser. L’azienda americana è molto finalizzata sull’aspetto educational e sulla ricerca. La piattaforma Spark l’aiuterà a trasformare i modelli digitali dei propri clienti direttamente in parti funzionali in metallo o in plastica.
Dremel
Dremel
Dremel ha recentemente lanciato una stampante 3D FFF focalizzata sulla semplificazione dell’esperienza dell’utente. La partnership con Autodesk aiuterà l’azienda a unire hardware e software per meglio rispondere alle esigenze della community, usando la piattaforma Spark per collegare i contenuti digitali con l’hardware per la fabbricazione.
HP
HP
HP ha creato scompiglio nel mondo della stampa 3D annunciando la sua stampante 3D, basata sulla tecnologia Multi Jet Fusion e prevista per il 2016. La prima azienda tra i colossi dell’IT a lanciarsi in questo settore (dopo un tentativo abbozzato con Stratasys qualche anno fa). La partnership con Autodesk permetterà di accedere a un ricco assortimento di strumenti pre produrre oggetti multimateriali e multiproprietà, offrendo un’esperienza più accessibile ai futuri utenti.
Local Motors
Local Motors
Ero stato il primo ad essere scettico, invece la Strati di Local Motors, la prima auto stampata in 3D come pezzo unico, è realtà L’azienda userà la piattaforma di Autodesk adattandola alle sue esigenza di stampa 3D per oggetti di grandi dimensioni e per affrontare le critictà incontrate durante il processo di stampa, tra cui quelle relative all’ottimizzazione del posizionamento degli strumenti di bordo, alla delaminazione e alle strutture di supporto.
MatterFab
MatterFab
MatterFab è un’azienda che si dedica a innovare nel campo della stampa 3D dei metalli a basso costo e si unirà a Spark per continuare ad accelerare la sua ricerca e per abbassare ulteriormente il costo di acquistare una stampante 3D a metallo.
Nervous System
Nervous System
Anche Nervous System è un’azienda che conosciamo bene. Lo studio di design generativo fuoriuscito dal MIT ha sviluppato una piattaforma che permette di combinare scienza, arte e tecnologia per immaginare design in grado di sfruttare al massimo le possibilità offerte dalle stampanti 3D. Useranno Spark per sviluppare un sistema sempre più user-friendly per la creazione di contenuti web-based pensati esplicitamente per la stampa 3D, contribuendo anche allo sviluppo della piattaforma stessa.
Ultimaker
Ultimaker
Ultimaker è il produttore di stampanti 3D open source di maggior successo al mondo ed è anche uno dei primi adopter della piattaforma Spark, che hanno iniziato a implementare per creare una connessione più fluida tra il software (tra cui anche i sistemi Cura e YouMagine) e l’hardware.
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s