Le verdure sono più divertenti con un po’ di stampa 3D

Ok, non sono interamente stampati in 3D (anche se in teoria lo sono, dal momento che anche la natura li produce in modo additivo), ma anche così gli Open Toys creati da LeFabShop rendono le verdure molto più interessanti, se non per mangiarle, almeno per giocarci: basta stampare in 3D alcuni componenti come ali, eliche o ruote per trasformare una zucchina o una patata in una macchinina, in un elicottero o in un sottomarino.

opentoys-2

Questo approccio originale alle verdure e alla stampa 3D può far breccia anche nel pubblico di massa Lo so perché me l’ha segnalato una mia zia di Londra, che lavora con la ceramica ed è sempre stata molto riluttante ad approfondire le possibilità di produzione digitale. Eppure la sua attenzione è stata catturata dagli Open Toys perché nutre anche una passione per la coltivazione degli ortaggi, e l’idea di personalizzare zucchine, melanzane, patate e carote, trasformandole in elicotteri, sottomarini e aerei con l’aggiunta di alcuni pezzi stampati l’ha subito incuriosita.

opentoys-7

L’idea è venuta a Samuel N. Bernier, co-fondatore di LeFabShop, uno dei principali distributori di stampanti 3D (MakerBot e mcor) in Francia, nel 2013, mentre, insieme alla  designer spagnola Patricia Urquiola, stava creando una serie di oggetti unendo legno di sughero con componenti plastici stampati in 3D. Raccogliendo le verdure dal suo giardino ha avuto l’idea di applicare lo stesso concetto agli ortaggi e il risultato è stato anche migliore (per quanto un po’ più effimero).

opentoys-6

Il progetto è stato poi completato da Thomas Thibault e presentato durante la Autodesk Pop Up Gallery di Parigi come una specie di Mr. Potato Head per la nuova era della fabbricazione digitale personalizzata. L’intera collezione è composta di 14 pezzi che possono essere facilmente stampati in 3D per realizzare veicoli di terra, mare o aria. Ruote, eliche, pale, alettoni e timoni, tra l’altro, sono anche alcune delle parti che veramente stanno cominciando a essere prodotti in modo additivo anche a livello industriale: in questo senso i giocattoli potrebbero fornire una prima  e divertente esperienza di apprendimento per gli ingegneri di domani.

helix

Per contribuire a promuovere la pubblicazione del loro nuovo libro, che è stato annunciato la scorsa settimana, LeFabShop ha pubblicato l’intera serie di Open Toys sui principali network di modelli 3D (Thingiverse, YouMagine e Cults3D): il progetto è aperto e la speranza è che le comunità continuino a sviluppare e ampliare la gamma di giochi disponibili.

opentoys-3

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s