EDAG porta le sue sue auto bioispirate e stampate in 3D più vicine alla realtà

Il concept GENESIS presentato al Motor Show 2014 di Ginevra è probabilmente uno dei più affascinanti esperimenti sul futuro della mobilità stampata in 3D, tuttavia il nuovo concept Light Cocoon sviluppato dallo studio di design tedesco EDAG, che sarà presentata a Ginevra il prossimo marzo, è forse ancora più stupefacente: non tanto perché più esagerato, quanto perché potrebbe essere quasi alla portata delle tecnologie attuali.

Gli specialisti di design automobilistico hanno creato GENESIS ispirati dal modo in cui un guscio di tartaruga avvolge il corpo dell’animale e lo protegge: l’idea era di dimostrare che le scocche delle auto del futuro dovranno essere prodotte come un unico pezzo, e che questo sarà possibile solo con la stampa 3D. Il nuovo concept esplora le aree di ottimizzazione topologica, facendo leva sul design generativo e biomimetico per creare un’auto sportiva che è più leggero possibile senza sacrificare l’integrità strutturale.

feature

Come spesso accade per EDAG, ogni singolo dettaglio del concept Light Cocoon è stato attentamente valutato, studiato e realizzato. A differenza del GENESIS, questo non è solo uno studio, ma una struttura completa del veicolo bionicamente ottimizzata. “Stiamo perseguendo nella nostra visione di sostenibilità basata sulla natura: leggera, efficiente e senza sprechi”, spiega il designer capo di EDAG, Johannes Barckmann. “Il risultato: il Light Cocoon di  EDAG presenta una struttura portante simile alla ramificazione delle piante resa stabile dalla stampante 3D, che utilizza solo il materiale che è assolutamente necessario.”

genesis concept

Il design della vettura è stato creato attraverso un calcolo algoritmico di ottimizzazione topologica, uno dei campi più avanzati nelle applicazioni della stampa 3D industriale, dove, cioè, tutto il materiale in eccesso viene rimosso e diverse densità vengono assegnate digitalmente a diverse parti di un singolo componente, in base al peso e agli stress che deve sopportare. Solitamente questo significa creare un componente che ha lo stesso aspetto di uno stampata ad iniezione solo che pesa molto meno (fino al 90% in meno).

EDAG utilizzato questo processo di ottimizzazione per migliorare effettivamente anche l’aspetto estetico del veicolo. Invece di trattare il corpo come una superficie chiusa, qualsiasi materiale non effettivamente necessario è stato rimosso. Gli esperti di simulazione di EDAG hanno effettuato calcoli statici e dinamici per gettare le basi di questa struttura ideale topologicamente ottimizzata, e in questo modo hanno contribuito a confermare la sua idoneità come potenziale concept di costruzione leggera: il risultato è un design incredibilmente complesso, ma, come Avi Reichental, CEO di 3D Systems, ha detto in una recente TED, “la complessità è gratis con la stampa 3D”.

genesis protoype

Gli “spazi vuoti” sono riempiti con un materiale tessile leggero e resistente alle intemperie, forniti dagli specialisti di esterni Jack Wolfskin. Anche se non è stampato 3D questo materiale è anche estremamente avanzato in termini di prestazioni, come spiegato dal CTO di EDAG  Jörg Ohlsen:

“Anche se sembra futuristico, questo approccio ha un suo fascino particolare: a fronte di un peso non superiore ai 19 g/m², il materiale Jack Wolfskin supporta i requisiti per la costruzione di strutture con peso minimo. Per fare un confronto: questo materiale ultra-resistente è quattro volte più leggero della carta da ufficio. Combinato con la struttura prodotta in additivo e topologicamente ottimizzata, offre un enorme potenziale e uno stimolo per le strutture leggere del futuro.”

Il risultato è semplicemente mozzafiato e ci offre un ulteriore scorcio su come la stampa 3D renderà la mobilità dei veicoli terrestri molto più sostenibile, efficiente e bella.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s