Materialise aggiunge il legno ai materiali per la stampa SLS

Molti di noi hanno imparato a conoscere – e in molti casi apprezzare – il legno come materiale per la stampa 3D utilizzandolo come filamento a base di PLA per stampanti desktop 3D FFF. A partire dal woodFill di colorFabb, dal LayWood di Formfutura o il Timberfill di Fillamentum, la maggior parte dei produttori oggi lo offrono in vari colori e tipologie e l’unica alternativa che esisteva è la polvere di legno utilizzata sperimentalmente da Emerging Objects con le stampanti a tecnologia binder jetting di 3D Systems.

Almeno fino ad ora, cioè, perché Materialise, attraverso la sua divisione di service di stampa 3D consumer i.materialise, ha appena annunciato il legno come nuovo materiale per i suoi sistemi a sinterizzazione laser.

3dprintedwood04

Prima di lanciarlo ufficialmente, Materialise dedicherà alcune settimane alla messa a punto dei processi di produzione, per ottenere il feedback dei primi clienti e assicurarsi che le loro aspettative siano soddisfatte. Questo è il motivo per cui la società belga ha lanciato un challenge durante la fase beta testing, chiedendo ai designer di sottoporre le loro creazione da realizzare in legno entro il prossimo 14 giugno. Le cinque migliori verranno selezionate e stampate gratuitamente.

I modelli in legno saranno costruiti usando una polvere molto fine derivante dagli scarti del legno. Naturalmente verrà mescolata con qualche tipo di polimero o resina pert renderla sinterizzabile con il laser (in quanto l’unico risultato della sinterizzazione laser del legno puro sarebbe probabilmente la cenere). Le prime immagini mostrano che la superficie ha un’aspetto granulare e leggermente poroso, color sabbia.

3dprintedwood03
Il legno sinterizzato di Materialise è risultato perfetto per i modelli complessi, in quanto consente di realizzare incastri e parti in movimento. L’uso dell’SLS, un processo che praticamente non ha limiti geometrici e non richiede supporti durante la stampa, significa che i progettisti avranno molta più libertà di creare oggetti che non possono essere realizzate con i metodi tradizionali di lavorazione del legno o con i processi a base di estrusione.

interlinking1Le macchine utilizzate per il processo di stampa consentono una dimensione massima di 250 mm x 250 mm x 200 mm (che risuolta compatibile con il volume di lavoro della EOS Formiga). Gli incastro e le parti mobili possibili solo lasciando uno spazio sufficiente – almeno 0,5 mm – tra i componenti del modello 3D. I progettisti devono tenere a mente che il legno è meno resistente rispetto ad altri materiali tipicamente utilizzati nell’SLS come il nylon, quindi le pareti dovranno avere uno spessore minimo di 3 mm. Lasciare dei fori di 15 mm sulla superficie del modello permetterà poi di svuotarlo riducendo la possibilità che si deformi.

Più che un materiale dal passato, il legno per molti versi sta iniziando a distinguersi come un materiale – sostenibile ed ecocompatibile – per il futuro. Riciclando i materiali di scarto amplia queste possiblità ancora di più e, anche se è presumibile che per i prossimi anni il costo del legno sinterizzato sarà troppo elevato per realizzare oggetti di uso comune, il processo è avviato.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s